Photos of Italy - Italiansrus.com
Home Advertise Articles Email Forum News Store

Resources
Art, Cuisine, Famous Italians, Festivals, Folklore, Genealogy, Holidays, Hotels, Photos, Real Estate, Sports, Travel and More

Guides
  • Buying Property Guide
  • City/Island Guides
  • Inheritance Guide
  • Regional Guides
    Surname Collection
    Add your name to the collection.
    Recipes
    Authentic Italian recipes for you to enjoy.
    Photo Galleries
    Enjoy photos of Italy, wine making & more.
    Proverbi
    Proverbs in Italian & English.
    Our Paesani
    Weekly column dedicated to today's Italy.
    by Francesca Di Meglio

    Italian Memories
    Articles on growing up Italian.
    by Cookie Curci

    Una Mamma Italiana
    Articles for Italian mammas.
    by Tiffany Longo

    Learn Italian
    English-Italian guides
    Spanish-Italian guides.

    Molto Italiano
    Sign up for our FREE newsletter.
    Trivia
    Test your knowledge of Italy.
  • CRISTOFORO COLOMBO

    ...AMMIRAGLIO MAGGIORE DEL MAR OCEANO,
    VICERÉ E GOVERNATORE DELLE TERRE CHE
    DOVESSE SCOPRIRE...

    by GIANCARLO V. NACHER MALVAIOLI

    CAPITOLO IX

    IL SECONDO VIAGGIO-LE ANTILLE-RIBELLIONE NELLA SPAGNOLA-LA SCHIAVITÙ DEGLI INDIOS-I NEGRI-IL TERZO VIAGGIO-LA TERRAFERMA E IL PARADISO TERRESTRE-LA PRIGIONIA DI COLOMBO-INSUCCESSO DELL'AMMIRAGLIO

    La premura che avevano i Re di Spagna di permettere a Colombo di ripartire il più presto possibile era dovuta al timore di qualche tiro mancino dei portoghesi; premura che era così grande come quella dell'Ammiraglio, dato che questi voleva dimostrare chiaramente che era arrivato alle Indie. Premura che compartiva una buona quantità di spagnoli, spinti dalla febbre dell'oro e dallo spirito di conquista e d'avventura.

    Il 25 settembre 1493 si riunì a Cadice una flotta di 17 navi, con 1500 uomini a bordo, scelti tra un gran numero di volontari. C'erano frati, contadini e artigiani in gran quantità, ma nessuna donna.

    Alcuni, come Niño de Moguer, avevano già preso parte al primo viaggio, altri ci andavano per la prima volta, come Juan Ponce de León, Alonso de Hojeda (o Ojeda), il savonese Michele da Cuneo, fra' Bernardo Buil (o Boyl), rappresentante del Papa, il padre del futuro Bartolomé de las Casas, Diego Colombo (il fratello più piccolo dell'Ammiraglio, che era appena giunto da Genova), Antonio de Torres (fratello della nutrice dell'Infante don Giovanni) e fra' Antonio de Marchena.

    Bisognava evangelizzare gli indios e allacciare relazioni commerciali, costruire centri abitati e creare tutta un'organizzazione adeguata, perciò s'imbarcarono cavalli, muli, mucche, tori, maiali, galline, anitre, pecore ed altri animali, inoltre sacchi di zucchero, riso, grano, alcuni tipi di fagioli, zafferano, aranci, oltre a viti, piante e semi diversi. Colombo prese il comando delle navi, imbarcandosi su una nuova 'Santa María', denominada 'Marigalante'. Uscendo dal porto le 17 navi incrociarono una flottiglia di galere veneziane che le scortarono per alcune miglia con musica e cannonate a salve. Il 5 ottobre arrivarono alle Canarie e ancorarono nell'isola di Gomera; Colombo non s'era dimenticato di Beatriz, né lei di lui, infatti il ricevimento fu festeggiato con fuochi artificiali e cannonate a salve.

    Il 7 salparono e il 3 novembre incontrarono le isole delle Antille (che così chiamarono credendole le leggendarie Antille o Antilie), e furono battezzate rispettivamente coi nomi di Domingo, Marigalante, Santa María de Guadalupe, Monserrat, Santa María de la Redonda, Santa María de la Antigua, San Martín, Santa Cruz (dove incontrarono indios bellicosi contro i quali dovettero combattere); poi apparve una gran quantità di isolette che Colombo chiamò Santa úrsula, la più grande, e le diecimila vergini, le altre (che sono le attuali isole Vergini).

    Poi incontrarono altre due isole più grandi, Colombo ne chiamò una Gratiosa (Graziosa), in onore alla madre di Alessandro Geraldini e San Juan Bautista (San Giovanni Battista, oggi Costa Rica), l'altra.

    Il 27 novembre ancorarono nell'isola Spagnola, di fronte al forte di Navidad, ma il forte era sparito. Quando sbarcarono si resero conto che era stato distrutto, gli spagnoli s'erano uccisi tra loro e quelli che erano rimasti erano stati trucidati dagli indios, i quali s'erano stancati di essere maltrattati e saccheggiati.

    Il padre Buil ed altri esigevano la cattura e l'uccisione degli indios, per castigarli, ma Colombo s'oppose. Quindi ordinò la costruzione di tre forti nell'interno e una città sulla costa, che chiamarono Villa Isabella.

    Il 12 febbraio 1494 ritornarono in patria 12 navi al comando di Antonio de Torres con la relazione dettagliata del viaggio.

    Passando i giorni gli spagnoli cominciarono a lamentarsi, il cibo europeo scarseggiava, quello locale non piaceva loro, inoltre causava problemi stomacali e molti cominciarono ad ammalarsi e nessuno voleva lavorare. Alcuni cominciarono a vagabondare internandosi nell'isola e rubando oro e donne agli indios. Bernal Días de Pisa, contabile reale, tentò una rivolta e Colombo lo fece imprigionare.

    Il 24 aprile l'Ammiraglio salpò con tre navi 'La Niña' (La Bambina), 'La Cordera' (L'Agnella) y la 'San Juan (San Giovanni), con lo scopo d'esplorare la costa meridionale di Cuba, per rendersi conto, d'una buona volta, se si trattava d'un isola o d'una penisola. Suo fratello Diego restò a Isabella come presidente, mentre frate Buil e Pedro Hernández Coronel come reggenti.

    Durante il viaggio Colombo scoprì l'isola di Giamaica, dove inutilmente cercò di trovar dell'oro, quindi costeggiò la costa meridionale di Cuba arrivando a cento miglia circa dalla sua estremità occidentale, convinto che si trattase d'una penisola asiatica (1), ed obbligò gli equipaggi a giurare che tutti erano d'accordo con lui. L'Ammiraglio era già malato gravemente.

    Il 29 settembre le tre navi erano di ritorno a Isabella, dove Colombo vi trovò suo fratello Bartolomeo, il quale aveva saputo a Parigi della scoperta avvenuta nel primo viaggio, corse a Siviglia, ma le navi erano già partite per il secondo viaggio, allora accompagnò Fernando e Diego, figli di Cristoforo, alla Corte reale a Valladolid, affinché servissero da paggi al principe don Giovanni, dopodiché la Regina gli dette tre navi per potesse raggiungere suo fratello alla Spagnola (2).

    Frattanto alcuni sobillatori continuavano a ribellarsi, imponevano la loro autorità e seminavano zizzania tra gli indios. I rivoltosi, rendendosi conto che non potevano impadronirsi dell'isola, presero la decisione di tornarsene in Spagna, con frate Buil ed altri, abbandonando i loro seguaci nell'interno dell'isola, i quali continuarono a rubare e ad uccidere indios (3). Questi esasperati si vendicavano uccidendo tutti gli spagnoli isolati che incontravano e Colombo dovette intervenire per castigarli, mandando in Spagna come schiavi i loro capi.

    Ad un certo punto ebbe luogo una scaramuccia nella quale –secondo Fernando Colombo –300 spagnoli con venti cavalli e cani da caccia, misero in fuga 100.000 indios; ne fu catturato un centinaio che fu inviato a Siviglia per essere venduto come schiavo, con l'autorizzazione dei Re di Spagna, per ricuperare parte delle spese sostenute per il viaggio (4). Un'altra vendita di schiavi si registrò nel 1496.

    A causa dei tanti problemi che erano sorti nell'isola e le lamentele che arrivavano alla Corte spagnola i Re di Spagna mandarono Juan de Aguayo alla Spagnola a investigare. Con lui giunse anche Diego, il figlio di Colombo.

    Il 10 marzo 1496 l'Ammiraglio decise di partire per la Spagna per difendersi dalle accuse che gli scontenti e i ribelli facevano circolare a Corte (5).

    Colombo partì con Aguayo, Diego, 225 spagnoli e 30 indios a bordo di due navi: 'La Niña' e 'La Santa Cruz' (La Santa Croce) che fu la prima nave costruita in America. Passarono per le isole Marigalante e Guadalupe, dove s'imbatterono in donne adornate di piume, nude e bellicose ed armate con archi e frecce. Ne catturarono una e capirono che in quell'isola comandavano le donne. In una certa epoca dell'anno vi arrivavano degli uomini provenienti da altre isole, avevano relazioni sessuali con loro e se nascevano dei maschi se li portavano via gli uomini, se femmine restavano con le loro madri. Ma, in realtà, era tutta un'invenzione. In quell'isola le donne erano così guerriere come i loro uomini, che in quell'occasione questi non si trovavano sulla spiaggia, in ogni modo gli spagnoli credettero che erano finalmente arrivati nell'isola delle leggendarie amazzoni. Più tardi i conquistatori andarono in quell'isola a cercarle, ma non le trovarono, cosicché continuarono la loro ricerca nel continente americano del nord, del centro e del sud.

    L'8 giugno del 1496 avvistarono Odmira, tra Lisbona e Capo San Vincenzo, gli equipaggi erano così affamati che si sarebbero mangiati gli indios, se l'Ammiraglio non l'avesse impedito loro. Finalmente l'11 giunsero a Cadice e Colombo si diresse a Burgos, dove si trovavano i Re di Spagna per le nozze del principe don Giovanni con Margherita d'Austria.

    Fernando e Isabella ricevettero con piacere gli omaggi di Colombo, che consistevano, oltre agli indios, in piante e animali esotici, strumenti, lamine e pepite d'oro. Come sempre gli confermarono i suoi privilegi e ne ottenne degli altri. Nel mentre, nella Spagnola, il governatore Bartolomeo Colombo diede ordine di abbandonare la città di Isabella, costruita in un terreno malsano, e ne fece fondare un'altra dai 630 spagnoli che vi restavano, e la chiamò Santo Domingo, in memoria di suo padre Domenico (Domingo in spagnolo).

    In quei giorni arrivarono alcune donne spagnole, furono le prime europee a sbarcare sulle isole americane.

    Nel 1497 altre spedizioni diedero inizio all'esplorazione delle terre al sud di Cuba. Su richiesta dell'Ammiraglio furono inviate navi dalla Spagna a Santo Domingo, due delle quali erano al comando di Pedro Fernández Coronel, con contadini, generi alimentari, animali e semi.

    Colombo, in Spagna, dovette superare gli ostacoli e far fronte alle critiche e di don Juan de Fonseca (capo della fazione cortigiana nemica sua e che più tardi fu vescovo di Burgos), il quale l'odiava e fu sempre contrario ad ogni scopritore e conquistatore. Inoltre dovette superare altre difficoltà, la principale delle quali fu quella di riuscire a riunire gli equipaggi ed altri 600 uomini, per il terzo viaggio. Per completare il numero dovette ricorrere a una buona quantità di galeotti, con eccezioni di quelli che erano condannati per delitti molto gravi, come i traditori e gli eretici.

    Prima di partire dettò e firmò la scrittura di maggiorasco, intestata a suo figlio Diego, per la successione, seguendogli in ordine l'altro figlio Fernando e i fratelli Bartolomeo e Diego. In questa scrittura reiterò il suo amore per Genova: 'Poiché da essa partii e in essa nacqui', ricordava inoltre ai Re di Spagna che l'oro ottenuto dalle Indie doveva esser destinato alla liberazione del Santo Sepolcro.

    Dal ritorno del secondo viaggio Colombo si mise il saio francescano e non se lo tolse più per tutto il resto della sua vita. Visitò in varie occasioni la certosa di Santa María de las Cuevas, a Siviglia, dove strinse amicizia con il padre italiano Gasparre Gorricio di Novara e con il quale ebbe una lunga corrispondenza.

    Finalmente il 30 maggio 1498 sei navi (6) cariche di provviste partirono dal porto di Sanlúcar de Barrameda, toccarono Porto Santo nell'isola di Madeira, e furono ben ricevuti dai portoghesi e, il 17 giugno, giunsero nella solita Gomera. Qualche ora prima una nave francese aveva catturato due navi mercantili castigliane, Colombo dette ordine di raggiungerle e riuscì a liberarne una.

    Il 21 dall'isola di Hierro (Ferro) l'Almirante decise di dividere la flotta, inviò tre navi nell'isola Spagnola e lui, con le altre tre, fece rotta verso le isole di Capo Verde, con il proposito di attraversare l'Oceano più a sud, sperando di trovare finalmente terraferma. Le prime tre navi erano comandate rispettivamente da Pedro de Arana, fratello di Beatriz Enríquez, da Alonso Sánchez de Carvajal, governatore di Baeza, e da Giannantonio Colombo, cugino dell'Ammiraglio, anche lui venuto da Genova (7).

    Il 5 luglio Colombo partì facendo rotta sud-ovest ed il 31 arrivò in un'isola con una montagna con tre picchi, che chiamò Tinidad (Trinità), quindi scorse la costa del Venezuela, che credette trattarsi d'un'altra isola. Il 5 agosto toccò terraferma nel golfo di Paria. Per una serie di considerazioni, tra le quali la gran quantità d'acqua dolce dell'Orinoco che sfociava nel mare, Colombo pensò che doveva trattarsi di un continente, d'un mondo nuovo, cioè di una terra asiatica sconosciuta agli europei. In caso contrario doveva proprio trattarsi della terra che si diceva che si trovava ai piedi del paradiso terrestre, infatti i teologi affermavano che Dio, dopo il peccato d'Adamo, non l'aveva distrutto, ma l'aveva collocato agli antipodi. La dolcezza del clima, gli indios che erano bianchi come gli spagnoli, la sensazione di navigare in salita, l'osservazione delle stelle e l'ago della bussola che sembrava impazzita, furono tutti fenomeni strani che Colombo, già malato agli occhi e di gotta, interpretò a modo suo. E dall'Europa lo scettico Pietro Martire commentava che le ragioni dell'Ammiraglio non lo convincevano per niente e che tutto gli sembrava frutto della fantasia.

    Le tre navi continuarono la loro navigazione e toccarono un'isola che chiamarono Margarita (Margherita), dato che vi trovarono perle (fino a tre secoli fa le perle si chiamavano margherite), da lì fecero rotta al nord giungendo alla Spagnola ed ancorando a Santo Domingo il 30 d'agosto. Molti degli spagnoli che erano restati nell'isola erano morti, centosessanta erano malati di sifilide (8), altri s'erano ribellati e, sotto il comando di Francisco Roldán, volevano impatronirsi dell'isola, dell'oro e uccidere Colombo.

    Le altre navi inviate dalle Canarie arrivarono per errore in una parte dell'sola controllata dai rivoltosi, sebbene un buon numero degli equipaggi passarono dalla parte di Roldán, i comandanti e molti altri marinai restarono fedeli a Colombo e riuscirono a fuggire riuniendosi con l'ammiraglio a Santo Domingo.

    Colombo, non potendo domare la rivolta, dovette mettersi d'accordo con Roldán, nominandolo guardiano maggiore e facendogli delle concessioni, sempre e quando si fosse sottomesso e lo avesse aiutato a debellare la ribellione. Tra i ribelli c'era Alfonso de Hojeda, vassallo del conte di Medinaceli e protetto dal vescovo Juan Rodríguez de Fonseca, che era arrivato con quattro navi per scoprire altre terre (9), con l'autorizzazione dei Re di Spagna, i quali gli avevano consegnato le carte e la rotta tracciate da Colombo.

    Hojeda era stato a Paria in cerca di perle ed era arrivato fino al golfo di Maracaibo catturando indios per venderli come schiavi (cosa che continuò a far più tardi nelle Bahamas), e portar via tutto il legno che poteva chiamato brasile. Roldán dovette combattere contro di lui e lo sconfisse obbligandolo ad abbandonare la Spagnola, ma vi lasciò alcuni dei suoi uomini che continuarono a creare disordini, finché furono catturati e impiccati per ordine di Colombo.

    Nell'agosto del 1500 arrivò a Santo Domingo un inviato dei Re di Spagna, Francisco de Bobadilla, commendatore dell'ordine di Calatrava, con pieni poteri per investigare e giudicare (10). Requisì la casa dell'Ammiraglio, il quale si trovava nell'interno dell'isola cercando di appacificare gli indios, dette ordine di imprigionare Diego e s'impadronì di tutte le proprietà e gli oggetti di Colombo, inclusi i libri, le carte e la sua parte d'oro. Si autoproclamò governatore, ascoltò solo quelli che si lagnavano dell'Ammiraglio e quando questi arrivò lo fece incatenare, lo stesso successe a Bertolomeo qualche giorno dopo. Quindi incominciò ad arricchirsi assegnando gli indios agli spagnoli ricchi e dividendo con loro il guadagno ottenuto dal lavoro degli schiavi.

    Colombo e i suoi fratelli, incatenati per ordine suo, furono inviati in Spagna con la nave 'La Gorda' (La Grassa). Il suo capitano Andrés Martín volle toglier loro le catene, ma Cristoforo rifiutò, dicendo che i Re di Spagna dovevano vedere in quale stato il loro inviato l'aveva ridotto, e lasciò anche detto che alla sua morte voleva essere sepolto insieme a quelle catene.

    Il 20 novembre arrivò a Cadice, da dove scrisse ai Re di Spagna, i quali ordinarono la sua immediata liberazione e lo ricevettero 'affettuosamente' a Granada. Udite le lagnanze dell'Ammiraglio mandarono a Santo Domingo don Nicolás de Ovando affinché restituisse ai Colombo i loro beni, iniziasse un processo, castigasse i ribelli e ristabilisse la legge. Ovando, più tardi, fece uccidere 50 maggiorenti indios, dopo una repressione crudele ed ingiusta, dato che non c'erano prove di una progettata loro cospirazione.

    Colombo, da Siviglia, aveva mandato segretamente una lettera a donna Juana de Torres, ex-governante dell'Infante don Giovanni. In essa si lamentava amaramente delle umiliazioni ricevute, dell'ingratitudine dei Re di Spagna, ai quali aveva dato un nuovo mondo con centinaia di isole, tutto per volontà divina, in modo che la Spagna, da povera che era, era diventata ricca dalla notte alla mattina. Aveva perso la sua gioventù ed anche i suoi titoli e privilegi a causa dell'invidia e dell'ingratitudine: 'Mi stanno giudicando come se avessi governato la Sicilia o un'altra terra dove impera un governo regolare e si rispettano le leggi; mentre mi dovrebbero giudicare come un capitano che arrivò come conquistatore di popoli bellicosi, differenti per religione e per costumi'.


    Non sono pochi gli scrittori che affermano che Colombo fu un pessimo amministratore della Spagnola, e sono invece pochi quelli che ricordano le sue parole quando affermò che qualsiasi cosa avesse fatto non avrebbe cambiato nulla, date le condizioni peculiari delle località scoperte, degli indios, della stessa conquista e, soprattutto, per esser lui uno straniero.

    Se gli stessi spagnoli si ammazzavano tra loro era asurdo pretendere che rispettassero uno straniero, essendo così un facile capro espiatorio d'invidie, ambizioni, rancori ed odi. Non contava con una polizia, con una forza armata sufficiente per imporre le leggi, e i Re di Spagna si trovavano a migliaia di chilometri di distanza. Tutto ciò spiega la sua politica, a volte contradittoria, a volte indecisa, alternando le decisioni tassative con compromessi e perdoni. I Re stessi, che apparentemente, lo appoggiavano, non fecero mai cessare le invidie, le lagnanze, le bugie e le calunnie che circolavano nella stessa Corte.

    Lo stesso successe più tardi con Magellano, portoghese al servizio della Spagna, circondato da intrighi e liti tra i portoghesi e gli spagnoli degli equipaggi delle sue navi, da tentativi di assassinio, di ammutinamenti, di aperte ribellioni per togliergli il comando e infine, dopo la sua morte, far di tutto per infangare il suo nome e la sua memoria.

    'Qualsiasi governatore –scrisse Fernández de Oviedo –per aver successo qui dovrebbe essere un superuomo'.

    Malgrado ciò se non mancò disciplina, organizzazione e senso civile si deve all'autorità dei Colombo, per esempio Bartolomeo si rivelò un uomo energico e nato per il comando. Ciò che successe agli spagnoli del forte Navidad, in assenza di Colombo, è uno degli esempi più significativi.

    I Re, soprattutto Isabella, comprendevano bene i fatti e le situazioni, ma erano anche consapevoli che Colombo aveva già terminato il suo compito, ora altre persone dovevano aprirsi a ventaglio, in ogni direzione, per conquistare e soggiogare. In altre parole si chiudeva l'epoca degli esploratori e cominciava quella dei conquistatori. Questo straniero, questo Colombo, ora dava fastidio, ingombrava, era necessario scavalcarlo. E così si fece.

    Capitolo IX (Cont.)


    Se desiderate fare qualche commento o chiedere qualche chiarimento su Cristoforo Colombo per favore comunicatevi con l'autore, via e-mail. Grazie.
    CAPITOLO
    1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12
    Prologo & Indice Bibliografía
    Share

    Follow Us
    find-us-on-facebook-logo

    Featured Item


    Shirts & Novelties


    Partner Links

    Shops/Stores

    Italiansrus Gear
    Proudly display the colors of Italy with these great products.

    Speak Italian? Speak it better! Subscribe to Tutto italiano Today!

    FORZIERI.com
    The world largest online retailer for Premium Italian Fashions.


    Travel

    Tour Italy
    Customize your trip to Italy.

    Booking.com


    | Home | Email | Forum | Newsletter |

    Copyright © 2002-2018 Anthony Parente and Giancarlo v. Nacher Malvaioli. All rights reserved.